L' augurio paterno
dell' arcivescovo di Tortona

Monsignor Egisto Melchiori

Tortona, 23 giugno 1960

Rev.mo Mons. Vicario Generale,

La ringrazio vivamente di avermi notificato che il prossimo 29 giugno, festa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, la Diocesi di Monopoli si stringerà intorno al proprio Ecc.mo ed amatissimo Vescovo S. Ecc. Monsignor Carlo Ferrari, per festeggiare il XXV anniversario della Sua Ordinazione Sacerdotale.

Mi unisco tanto volentieri anch'io all'esultanza del Clero e dei fedeli della Diocesi, perché sono stato io stesso ad avere la soddisfazione di imporgli le mani nell' Ordinazione sacerdotale venticinque anni or sono.

Sono stati venticinque anni ricchi di grazie di meriti e di opere in un apostolato fecondo, esercitato nelle mansioni più delicate, quali sono l'ufficio di Direttore Spirituale prima nel Seminario Minore di Stazzano, poi in quello Maggiore di Tortona, di Rettore del Convitto dei giovani Sacerdoti e di Insegnante di Teologia Fondamentale e di Morale.

Tutto il Clero ed i Fedeli della Diocesi di Monopoli sono poi testimoni dell' apostolato intelligente e più intenso che ha esercitato fra di loro, dopo che ha ricevuto la pienezza del Sacerdozio nella Consacrazione Episcopale che ho avuto il piacere di conferirGli ancora io stesso nel 1952.

Per me è motivo di grande speranza nella Misericordia di Dio l'aver donato alla Chiesa un Vescovo che, nella pienezza delle energie fisiche e spirituali, supplisce alle deficienze del vecchio Vescovo che lo ha ordinato sacerdote e consacrato Vescovo; vedo in questo anche un simbolo della perennità della Chiesa, che non invecchia mai ma si conserva perpetuamente giovane.

Ella, Monsignore, si renda interprete di questi miei sentimenti con l'Ecc.mo Festeggiato, al Quale ricambio l'augurio che mi ha rivolto otto anni or sono, il giorno della consacrazione Episcopale: " ad multos annos ", per compiere ancora tanto bene e servire Dio e la Chiesa.

Unito nella preghiera di ringraziamento e di propiziazione, invoco celesti benedizioni sopra di Lei e su quanti si stringeranno, con sentimenti di filiale riconoscenza, intorno al proprio Pastore.

+ Egisto Domenico Melchiori, Arcivescovo

Numero unico di Monopoli 1960